50 Domande per l'amministratore immobiliare
Rispondi al questionario, ci aiuterai a conoscerci meglio.

1. Per quale motivo ha intrapreso l'attività di amministratore condominiale?
amministravo già un condominio dove io stesso (o un mio familiare) ero/a condomino; ho deciso di ampliare l'attività
ero interessato nello specifico a questa attività, che non avevo mai svolto prima;
il mio percorso formativo riguardava materie analoghe a quelle dellagestione/manutenzione/ristrutturazione di immobili;
ho frequentato un corso di formazione specifico, a seguito del quale ho deciso diiniziare l'attività di amministratore;
ero già impiegato presso un altro studio di amministrazione / lavoravo in ambitoimmobiliare e ho deciso di dedicarmi in proprio all'attività di gestione condominiale;
ho proseguito / rilevato l'attività già svolta da familiari o conoscenti;
altro (specificare)

2. Ha frequentato un corso di formazione specifico per l'amministrazione condominiale?
si
no

3. Se sì, in quale anno?


4. Presso quale ente?


5.Ritiene che il corso svolto, potesse mettere in grado chi non avesse avuto giàesperienza nel settore dell'amministrazione immobiliare, di iniziare da subitol'attività?
si
no

6. In caso negativo, quali aspetti necessari all'esercizio della professione non risultavano sufficientemente trattati dal corso?
diritto condominiale
diritto privato (limitatamente agli aspetti di interesse per l'attività);
ulteriori normative (per esempio in ambito edilizio, catastale, sicurezza impianti erisparmio energetico, sicurezza sul lavoro ecc.);
gestione della contabilità condominiale;
gestione delle assemblee;
gestione dei contratti e delle manutenzioni;
gestione delle pratiche assicurative e legali;
gestione organizzativa/amministrativa/fiscale di uno studio professionale diamministrazione;
deontologia e condotta professionale;
aspetti psicologici, di interazione e relazionali con i soggetti coinvolti nell'attività(condomini, fornitori, professionisti esterni ecc.);
gestione dei conflitti interni al condominio;
altro (specificare)

7. Assegni un voto di merito alla qualità e all'approfondimento della trattazione deiseguenti argomenti, nel corso che ha seguito (da 1 = scarso a 5 = eccellente):
diritto condominiale;
diritto privato (limitatamente agli aspetti di interesse per l'attività);
ulteriori normative (per esempio in ambito edilizio, catastale, sicurezza impianti erisparmio energetico, sicurezza sul lavoro ecc.);
gestione della contabilità condominiale;
gestione delle assemblee;
gestione dei contratti e delle manutenzioni;
gestione delle pratiche assicurative e legali;
gestione organizzativa/amministrativa/fiscale di uno studio professionale diamministrazione;
deontologia e condotta professionale;
aspetti psicologici, di interazione e relazionali con i soggetti coinvolti nell'attività(condomini, fornitori, professionisti esterni ecc.);
gestione dei conflitti interni al condominio;
altro (specificare)

8. In che anno ha iniziato in proprio l'attività di amministratore?


9. Ha iniziato da solo?
si
no

10. In caso negativo, chi erano i suoi collaboratori?
altri amministratori “alla pari”(membri di studio associato o di società diamministrazione);
familiari;
collaboratore/i con mansioni subordinate;
altro (specificare)

11. Ha investito nella pubblicità dello studio, al momento dell'apertura?
si
no

12. Come ha acquisito il primo condominio:
si trattava di condominio in cui io stesso ero condomino;
segnalazione diretta di un conoscente/amico/familiare;
pubblicità;
contatti con imprenditori edili / costruttori / associazioni di proprietari di immobili;
altro (specificare)

13. La prima sede dell'attività era ricavata:
nella propria abitazione;
in un ufficio utilizzato esclusivamente per la propria attività;
in un ufficio o altra sede in condivisione con altri professionisti;
altro (specificare)

14. Ha fatto un investimento economico importante per acquisire le attrezzature necessarie per il lavoro?
no, ho utilizzato il minimo indispensabile (pc, telefono, fax, arredo minimo);
sì (più postazioni di lavoro, centralino telefonico, software gestionali, arredi per ufficio, ecc.)

15. Ha utilizzato da subito un programma gestionale?
si
no

16. Ha utilizzato da subito i servizi di postalizzazione esterna?
si
no, la posta veniva confezionata e spedita direttamente dallo studio;

17. Come ha acquisito i successivi condomini?
segnalazione diretta di un conoscente/amico/familiare;
passaparola
pubblicità
contatti con imprenditori edili/costruttori/associazioni di proprietari di immobili;
ubentrato in studio professionale che cedeva/chiudeva l'attività;
altro (specificare)

18. Quanti condomini amministra attualmente?


19. Per totali unità immobiliari?


20. In quanti anni ha acquisito i condomini che sta gestendo attualmente?


21. La sua attività è coperta da una polizza assicurativa per la responsabilità civile?
si
no

22. Attualmente nel suo studio lavora
solo lei
altri collaboratori in numero di

23. Quante ore lavora mediamente in una settimana (escluse le ore impiegate nellosvolgimento delle assemblee)?


24. Quante ore lavorano complessivamente i suoi collaboratori (escluso ore impiegate nellosvolgimento delle assemblee)? Indicare la somma totale delle ore di tutti i collaboratori:


25. Gli incarichi lavorativi sono chiaramente distinti e assegnati a ciascun collaboratore?
si
no

26. L'organizzazione dello studio è basata su una routine predefinita?
si
no

27. La routine è
quotidiana
settimanale
mensile
mista (quotidiana/settimanale/mensile)

28. E prevista una forma sistematica di controllo delle operazioni che svolge Lei e chesvolgono i suoi collaboratori? (n.b.: per controllo si intende, verifica costante e puntualedella corretta esecuzione delle mansioni e della loro completezza)
si
no
viene effettuato un controllo di minima ma non in modo sistematico

29. A suo personale giudizio, quanti ulteriori condomini ritiene di potere amministrareriferendosi alla struttura attuale del suo studio, senza quindi dover rivederel'organizzazione lavorativa o assumere ulteriori collaboratori:
nessuno;
fino a 10;
fino a 30;
altro (specificare)

30. Utilizza un programma gestionale?
si
no

31. Se sì, quale?


32. Quanti condomini amministrava quando ha deciso di utilizzare per la prima volta unprogramma gestionale?


33. Ha cambiato programma nel corso del tempo?
si
no

34. E' soddisfatto del programma che sta utilizzando?
si
no
in parte

35. In cosa lo migliorerebbe?


36. Utilizza un servizio esterno allo studio per il confezionamento della posta e la spedizione?
si
no

37. Quanti condomini amministrava quando ha deciso di utilizzare per la prima volta un servizio di postalizzazione esterno?


38. Le telefonate vengono evase da lei direttamente?
si
no, dai collaboratori

39. E' disponibile per i condomini un numero per le emergenze al di fuori dei normaliorari di ufficio?
si
no

40. Le telefonate non di emergenza vengono ricevute durante tutta la giornata lavorativa oin una fascia oraria limitata?
durante tutta la giornata
in una fascia oraria limitata

41. Ritiene che il suo lavoro sia stressante?
si, in modo costante e continuo;
in modo prevalente;
solo in alcuni periodi, e in modo prevedibile (p.es., periodi in cui si concentrano lechiusure dei bilanci e si convocano le assemblee);
solo quando si devono affrontare problematiche particolari e/o non previste;
no, per nulla, riesco a fare fronte senza stress particolare alla gestione dell'ordinarietà e alle problematiche estemporanee

42. Riesce a ricavare un tempo sufficiente per i suoi interessi personali e per i rapportifamiliari e di amicizia, al di fuori della sfera lavorativa?
si
no

43. Quali situazioni tipiche della sua attività trova particolarmente gravose? (Qualora lei non trovasse gravose le situazioni seguenti, la preghiamo di specificare se ciò dipenda dauna sua capacità soggettiva - tal caso la risposta è semplicemente“□ no”-, ovvero dal fatto che ha messo in atto procedure / strategie di lavoro / strategie psicologiche ben definite chela aiutano nella gestione della situazione stessa - in tal caso la risposta è“□ no, per le strategie-)
la gestione della conflittualità tra condomini:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
il rapporto con i condomini “problematici” o eccessivamente “presenti”:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
il dovere arginare le attività richieste dai condomini, che sono al limite o al di fuoridelle sue attribuzioni di amministratore:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
affrontare l'assemblea conflittuale:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
il fare fronte alle emergenze:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
il dovere essere reperibile per le emergenze anche negli orari e nelle giornate nonlavorative e nei periodi tipicamente di ferie:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
la gestione delle manutenzioni e delle pratiche di sinistro:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
la gestione delle problematiche insorte tra fornitori e condominio:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
il rapporto con i fornitori:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
la gestione ordinata e precisa della contabilità:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
la gestione degli archivi cartacei e informatici:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
la gestione delle telefonate:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
la gestione delle e-mail:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
il rispetto delle scadenze:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
la gestione e l'organizzazione interna della sua attività:
si    no    no, per le strategie    solo in parte
altro (specificare)

44. La sua attività è gratificante:
sotto il profilo economico:
si    no    solo in parte
per la soddisfazione espressa dai miei clienti (condomini), manifestata esplicitamentee/o con la mia riconferma come amministratore:
si    no    solo in parte
per i rapporti personali positivi che si sono creati nell'esercizio del lavoro concondomini, fornitori, professionisti, collaboratori ecc.:
si    no    solo in parte
per la possibilità di gestire in autonomia il tempo:
si    no    solo in parte
per la soddisfazione derivante dal riuscire a avviare e a gestire un'attività in proprio:
si    no    solo in parte
per la soddisfazione che scaturisce dal riuscire a rispettare le scadenze e dalcompletare i lavori:
si    no    solo in parte
altro (specificare)

45. Che cosa vorrebbe migliorare nell'organizzazione della sua attività lavorativa, rispettoall'attualità? (risposta aperta)


46. In generale, quali servizi ritiene che dovrebbero essere implementati per aiutarel'amministratore a svolgere meglio il proprio lavoro? (risposta aperta)


47. Cosa si aspetta da un'associazione di categoria di amministratori immobiliari?(esprima la sua richiesta con un punteggio da 1 a 5; 1: il servizio non mi interessa / non loritengo necessario; 5 il servizio mi interessa molto / lo ritengo indispensabile):
assistenza e consulenza inerente l'esercizio della professione
definizione e controllo di un protocollo deontologico
possibilità di effettuare corsi di aggiornamento
possibilità di ricevere consulenze tecniche e legali in ambito condominiale
servizio di arbitrato e conciliazione in merito a problematiche inerenti l'eserciziodella professione
aggiornamenti normativi
sito internet
convenzioni agevolate con fornitori per servizi inerenti l'esercizio della professione(p.es. stipula e acquisto di polizze assicurative, software gestionali, abbonamenti ariviste specialistiche, servizi di postalizzazione, call center, servizi contabili e fiscaliesterni, assistenza legale)
consentire agli associati di partecipare attivamente all'organizzazione di tutte leattività promosse da Sesamo
rappresentanza presso le istituzioni
organizzazione di convegni tematici
organizzazione di attività ricreative

48. Ritiene che Sesamo debba occuparsi della definizione di un tariffario professionale diriferimento per la compilazione delle offerte di amministrazione?
si
no
non so

49. Ritiene che Sesamo possa occuparsi di reperire sul mercato richieste diamministrazione di condomini e definire le modalità di segnalazione di potenzialiamministratori?
si
no
non so

50. Sesamo intende promuovere ogni forma di iniziativa che possa aiutare l'amministratore a lavorare “meglio”, con maggiore efficienza e tranquillità, in modo da migliorare anche la qualità del servizio offerto ai propri clienti. Lei è disponibile a offrire il suo contributo per raggiungere questo obiettivo? (il contributo può essereanche mimino ed è naturalmente dosato in base alla proprio tempo: può essere offerto “a distanza” attraverso l'uso delle piattaforme informatiche)
si
no
non so

Trova Amministratore
...oppure cerca per area geografica
Scegli la regione
Clicca su una regione per vedere i Amministratori immobiliari !
Amministratori immobiliari  Val d'Aosta Amministratori immobiliari  Piemonte Amministratori immobiliari  Liguria Amministratori immobiliari  Lombardia Amministratori immobiliari  Trentino Alto Adige Amministratori immobiliari  Veneto Amministratori immobiliari  Friuli Venezia Giulia Amministratori immobiliari  Emilia Romagna Amministratori immobiliari  Toscana Amministratori immobiliari  Umbria Amministratori immobiliari  Lazio Amministratori immobiliari  Marche Amministratori immobiliari  Abruzzo Amministratori immobiliari  Molise Amministratori immobiliari  Campania Amministratori immobiliari  Puglia Amministratori immobiliari  Basilicata Amministratori immobiliari  Calabria Amministratori immobiliari  Sardegna Amministratori immobiliari  Sicilia

SESAMO Ammisnistratori di Condominio SESAMO Ammisnistratori di Condominio corsi di formazione
News & Eventi
15 NOVEMBRE2017
Sede di Messina:  Venerdì 17 novembre 2017 alle ore 10.00 presso sede ASPPI Messina, via G. Buganza is. 49 Messina.... leggi tutto
09 NOVEMBRE2017
I condomìni che avessero provveduto in precedenza all'installazione di valvole termostatiche e alla contabilizzazione del calore precorrendo i tempi, per propria determinazione o nel rispetto di regole locali possono evitare il ricorso ai criteri di calcolo della norma UNI 10200?   In effetti, come tutta la materia della contabilizz... leggi tutto
ASPPI